News Story - DemoRace

Vai ai contenuti

Menu principale:

Comunicati Stampa
N.B.: per bloccare lo scorrimento basta posizionare il mouse sul testo scorrevole
8 Maggio 2017
TORM 2017 - 5° GP APRILIA: MORANDI L’INARRESTABILE

Questo titolo Simone Morandi se lo merita, non c’è nulla da eccepire. Va però detto che del suo “triplete” conquistato con la vittoria della quinta tappa del Trofeo Ohvale Rental Master 2017, questa resta la vittoria più insicura. Solo un secondo ha infatti diviso Fiorenzo Palli dall’interrompere la striscia di conquiste di Simone nella top class della sezione Rental del TORM. Il nostro pensiero, però, va a Giuseppe Cipriano e Daniele Palleschi, che dopo gli incidenti ottenuti oggi in pista sono attualmente in ospedale per accertamenti. Fortunatamente nulla di grave, torneranno a breve a battagliare nel TORM by Demorace. Adesso vediamo come sono andate le varie categorie.

Champions: ancora Simone Morandi
Sembra il Marquez di due anni fa, il nostro Simone, o anche il Jonathan Rea di quest’anno. Nuova vittoria per colui che ha sicuramente tra le mani una buona chance di vincere il titolo del 2017 nella sezione Rental, oltre alla possibilità di laurearsi campione italiano Light della medesima categoria. Ma Fiorenzo Palli è subito dietro, questa volta il distacco si è limitato a meno di un secondo e non è detto che la prossima tappa la situazione non si capovolga. Vita più difficile per Francesco Fracci, che chiude il podio a +9.446 dalla vetta.

Expert: Andrea Costantini
Andrea resta l’esempio che un bel manico può compensare quei chili in più che si hanno nei confronti degli avversari. In una griglia composta perlopiù da Medium, Costantini vince beffando per meno di mezzo secondo Andrea Battisti, che a sua volta stacca Mirko Pagnotta di altri sei decimi.

AMA: Michael Gabriele
La tappa di Aprilia è sicuramente quella che vede i distacchi minori tra la prima e la seconda posizione nelle varie griglie, almeno se parliamo della loro media. Anche qui meno di 500 millesimi hanno diviso Michael Gabriele e Daniele Dottori, mentre è ben più ampio il distacco che ha subito Marco Isopo dal duo di testa. Poco male Marco, farai meglio alla prossima!

Chiodi: Gabriele Carbonari
Sfida tutta in famiglia per le prime due posizioni della categoria Chiodi del TORM ad Aprilia: con 567 millesimi di vantaggio è Gabriele a portare a casa la coppa del vincitore, proprio davanti a Pierangelo. Terza piazza per Marco Feroli, anche lui a ridosso dei primi due con meno di un secondo di differenza da Gabriele.

Il team: FG Corse
Così come Morandi è una garanzia come singolo, Palli e Lombrici lo sono come team. È nuovamente l’ FG Corse a vincere la classifica di giornata, Seguito dal Racing Graphic Designo di Pianozza e Cipriano e dal team capolista Smanettoni di Pagnotta e Costantini. Palli e Lombrici continuano la rimonta verso la cima della classifica, proseguiranno anche a Sulmona?


Per Peso: Morandi, Pianozza e Palli
È ovviamente Simone Morandi a vincere nuovamente la sottoclassifica Light, seguito da Francesco Fracci e da Niccolò Catalani. Nella Medium Fiorenzo Palli conferma la sua leadership, seguito dal suo diretto contendente al titolo Giorgio Lombrici e da Andrea Battisti, che recupera qualche punto su Mirko Pagnotta. Nella Heavy Pianozza vince e si rifà sotto ad Andrea Costantini, ora distante solo quattro lunghezze. Chiude il podio di categoria Gabriele Biasi.



TOP: Doppietta per Grossi, 4 vincitori tra 160 Under e 190 Master
Giornata difficile anche nella TOP, dove l’unica garanzia resta sempre lui, Stefano Grossi. Cassella e Di Renzi si sono dovuti accontentare di una seconda e una terza posizione a testa nella 160 Over, mentre Stefano può festeggiare l’ennesimo “uno-due” di giornata.

Nella 160 Under Emanuele Curti e Gianmarco Ricci si sono alternati il gradino più alto, con Ricci seguito proprio da Curti e da Iacobelli in gara1 e il pilota del team Gladio pedinato da Favaretto e ancora Iacobelli in gara2.

Per la 190 Over situazione ancora più incerta, con Scapigliati e Russo che portano a casa 420 punti a testa, nonostante la vittoria in gara2 di Daniele. È invece Vargiu il vincitore di Gara1, penalizzato poi ai punti dalla quarta piazza ottenuta in gara2.

Pitrace: AMA di Pruscini e Platone, PRO tra Pendenza e Aguzzi, doppietta di Rossi nella 190
Se il TOP vi è sembrato combattuto, aspettate di leggere i risultati delle Pitrace ad Aprilia. Nella 160 AMA Pruscini e Platone si sono alternati la prima e la seconda piazza davanti a Calascibetta, che ha chiuso tutti e due i podi. Lo Shark Team, il TRP Racing e il Team Ciatti continuano a darsi battaglia senza quartiere.

Situazione analoga nella 160 Pro, dove Pendenza e Aguzzi ricopiano i podi della AMA spartendosi vittorie e piazze d’onore. La terza piazza è stata equamente divisa tra Francesco Ferraro (gara1) ed Emanuele Solinas (Gara2)

Le uniche certezze le troviamo nella 190 Open, dove Pietro Rossi onora il suo cognome monopolizzando il gradino più alto del podio e facendosi seguire in gara1 da Pierluigi David e da Alessio Palma, e in gara2 nuovamente da Palma e da Carlo Albanese.

Da Aprilia è tutto, prossimo appuntamento il 2 Giugno a Sulmona (AQ)
20 Maggio 2017
Stefano Grossi per il DemoBlog: “Divertirsi è la chiave per andare forte”

Si apre con questa intervista una nuova sezione della DemoRace by Motobannati. Da oggi più spazio ai piloti, ai loro pensieri e alle loro idee: iniziamo con questa una serie di interventi che vedranno protagonisti i piloti delle varie categorie che compongono i campionati della Motobannati e della DemoRace. Apriamo con uno dei personaggi chiave del TOP 2017, nonché capoclassifica della 160 Over: Stefano Grossi, patron del team Gladio e pilota su Ohvale 160.

D: Il mestiere di team manager e pilota deve essere difficile. Come gestisci i due ruoli?
“Devo ammettere che ricoprire entrambi i ruoli non è affatto semplice, sia in pista che fuori devi gestire i bisogni, gli stati d'animo, le tattiche e qualsiasi altro elemento che serve per costruire una prestazione sportiva di livello interfacciandoti con piloti (ma soprattutto persone) estremamente diversi tra loro, lavorando con la giusta empatia per tirarne fuori il meglio...se poi avanza tempo cerco di concentrarmi anche sulla mia prestazione. Sicuramente metto sempre loro (Tortellone, Uccio e l'infortunato Semola, nda) al primo posto.”

D: Sei saldamente in testa alla classifica, ti senti tranquillo o temi qualche rimonta?
“Dico sempre che "la gara finisce sotto la bandiera a scacchi"...in gara, come nella vita tutto può succedere, e proprio in questa stagione ne abbiamo viste di ogni. Sicuramente l'assenza (causa infortunio) del mio diretto avversario ha reso il mio percorso più agevole, donandomi oltretutto la possibilità di dedicarmi anche ad altri ragazzi che ruotano intorno al nostro Team GLADIO, potendone migliorare molto le prestazioni in pista, uno fra tutti il buon Daniele di Renzi, che ad oggi mi tallona da vicino grazie alla sua costanza di rendimento. Sicuramente guidare la classifica è motivo di grande orgoglio per me, ma non è il mio obbiettivo primario, perché il mio impegno è votato alla crescita dei miei Gladiatori e di questo splendido campionato. “

D: Fai da coach a più di un pilota, quali sono i primi consigli che dai?
"’Divertiti...divertiti...divertiti...’: è la chiave del successo Ttutti noi abbiamo una vita più o meno complicata, il lavoro, i soldi, l'amore, la famiglia... Ma quei dieci minuti sono solo nostri. Siamo solo noi e la nostra moto, in quei dieci minuti possiamo essere semplicemente noi stessi, ed è proprio questo che ci rende vincenti, che si arrivi primi o ultimi. Diamo il meglio di noi perché facciamo tutti tanti sacrifici per poterci "guadagnare" quei dieci minuti, non divertirsi renderebbe tutto inutile.”

D: Cosa ne pensi del prossimo tracciato? Ci hai già girato?
“La prossima tappa si correrà sul circuito di Sulmona, è un circuito totalmente nuovo per tutti, e questo rende il gioco ancor più interessante. Abbiamo studiato il tracciato grazie a qualche video online, sembra piccolino ma simpatico, ci sono due belle staccate importanti ed un paio di curve veloci da raccordare. Speriamo di creare delle belle bagarre, ma per quanto mi riguarda l'aspetto più importante è portare in terra abruzzese la bandiera del Top/Torm DEMORACE, così da avvicinare e dare nuove opportunità anche alle regioni che ancora faticano ad avere le giuste attenzioni da parte delle case costruttrici. Il centro Italia ha sempre avuto difficoltà in questi anni, ma ora ci siamo noi. #invadiamoSulmona.”


6 Giugno 2017
Il Trofeo OHVALE by Demorace inaugura Sulmona

Le prime GP0 a calcare il suolo dell’ Holykart di Sulmona sono le moto del Trofeo Ohvale Rental Master e del Trofeo Ohvale Privati. I piloti TORM e TOP hanno dato il meglio di loro per onorare questo impegno, e le gare corse il 3 giugno hanno dimostrato che il livello del Torm si è alzato esponenzialmente. Restano però le certezze di sempre, e se nel Torm Simone Morandi cala il quarto asso per fare il poker di vittorie, nel Top 160 Over Stefano Grossi ha trovato in Margiotta e in Buccheri due degni avversari, con Luca autore di una scivolata che gli è costata cara nella gara e Andrea strepitoso al rientro.
Continua nella 160 Under il duetto tra Ricci e Curti, mentre l’esordiente Amicarelli centra la doppietta nella 190. Le Pitrace non sono state da meno, con Manolo Di Francesco a centrare la doppietta nella 190/2T e Aguzzi a spartirsi con Blasi le vittorie nella 160. Vediamo il dettaglio.

Champions: Simone Morandi
Quattro gare, quattro vittorie. Non c’è che dire, Simone sta andando alla grande e il caldo non sembra avergli creato problemi. Vince nuovamente, staccando di ben 3'405 Luca Margiotta e di 6'962 Niccolo’ Catalani. Il capolista Palli giunge quarto al traguardo, sicuramente tenendo un occhio al campionato dove è saldamente in testa: a questo punto del trofeo è fondamentale non commettere errori e Fiorenzo è sempre terminato a punti fino ad ora.

Expert: Mirko Pagnotta
Vince la categoria AMA Mirko Pagnotta, che ha fatto della costanza la sua bandiera. I suoi avversari diretti in griglia, Andrea Di Placido e Alessandro Rossi, hanno un best lap migliore di quello di Mirko di circa quattro decimi, ma la lotta che hanno intavolato per la piazza d’onore (finita ad Andrea) gli è costata la possibilità di competere per il gradino più alto del podio. Solo un secondo li ha divisi dalla vetta della corsa.

Chiodi: Andrea Battisti
Nella Chiodi è Andrea Battisti a concludere al vertice. Il sottoscritto è giunto secondo al traguardo, ma la (giusta) penalizzazione di tre secondi per aver poggiato due volte il piede in terra alla partenza mi è costata la piazza d’onore, terminata di pieno merito tra le mani di Maurizio Castelli. Una precisazione: Maurizio, che ha partecipato alla gara della Di.DI corsa in concomitanza con Motomondiale di Le Mans (vincendo la classe 600) corre con una protesi che gli sostituisce la mano sinistra, e quindi ha corso tutta la gara senza poter utilizzare il freno posteriore, che le Gp0 110 automatiche hanno appunto al manubrio. Chapeau!

Il Team: FG Corse
Anche nei team la situazione è bollente: l’ FG corse di Palli e Lombrici mantiene la leadership e conquista la vittoria di giornata con 122 punti. Dietro i capolisti del Racing Graphic Design (che acquista Simone Morandi) vola al secondo posto davanti allo Smanettoni di Pagnotta e Costantini. È ancora tutto in gioco, tra il primo e il terzo team ci sono solo 70 punti di distacco, la vera guerra inizia ora.

Per peso: Morandi, Palli e Grossi
Nelle classifiche di peso troviamo un Morandi ancora vincitore della Light, con Margiotta secondo e Fracci terzo (saldamente al comando della classifica con 340 punti), mentre nella Medium la classifica di giornata rispecchia i valori che si possono evincere dalla classifica generale: è ancora Palli a comandare, seguito da Lombrici e Pagnotta. Nella Heavy vince Stefano Grossi, preso in prestito dal Top, seguito dal capoclassifica Matteo Pianozza e dal sottoscritto, che chiude il podio.

TOP: Tutto da decidere a Viterbo
Il punteggio doppio dell’ultima tappa del Top 2017 che si svolgerà in quel di Viterbo non ha permesso a nessuno di festeggiare il titolo in anticipo. Ci vorrà una prestazione impeccabile per Di Renzi per beffare Grossi e riprendersi dal colpo di sfortuna (rottura della moto) che lo ha costretto ad assistere alle gare dal bordo della pista, ma l’ultima parola si può proferire solo dopo l’ultima bandiera a scacchi. Grossi resta un osso durissimo: anche a Sulmona ha portato a casa un terzo e un primo posto, alternandosi con l’esordiente Luca Margiotta (istruttore di pista di Michael Schumacher al suo esordio nel mondo delle due ruote). Doppio secondo posto per Andrea Buccheri, che eguaglia i 420 punti totali dei due vincitori della giornata. La classifica, finita a pari merito, è stata articolata nel modo seguente: Primo Stefano Grossi, secondo Andrea Buccheri, terzo Luca Margiotta.

Nella 160 Under il migliore è stato Onorio Iacobelli, secondo in Gara1 e primo in Gara2. Davanti a Iacobelli si è posto il capolista Ricci nel primo evento (dove Curti ha chiuso il podio), mentre per la seconda gara Emanuele è risalito alla piazza d’onore, relegando Gabriele Favaretto alla terza posizione. A fine giornata dietro a Onorio si è quindi piazzato Emanuele Curti, seguito da Gianmarco Ricci. 170 sono ora i punti che dividono Ricci e Curti, ma con i 1000 punti in palio per Viterbo sia Zanola che Favaretto fanno ancora parte della battaglia.
Per la 190 solo due partecipanti presenti a Sulmona, entrambi esordienti: vince le due manches Luca Amicarelli, con Andrew Passarini a fare secondo in entrambi i casi. Adesso li aspettiamo a Viterbo per avere uno strumento di comparazione con i regular del TOP.

PITRACE: Blasi e Aguzzi nella 160, doppietta di Di Francesco nella 190/2T
Altre gare spettacolari nella Pitrace 2017, evento di contorno ma ormai pienamente collaudato del TORM. Le due categorie hanno visto battaglie decisamente accese, e se le 190/2T questa volta erano solo due, non possiamo comunque dire che lo spettacolo ci sia mancato. Nella top class delle Pit è Il giovane Manolo Di Francesco a centrare la doppietta assoluta, finendo in tutte e due le manches davanti a Joseph Calascibetta.
Nella 160 il risultato è stato decisamente più incerto: la prima gara va a Daniele Aguzzi, che sul traguardo è stato seguito da Alex Blasi e da Antonio Platone. Nel secondo evento Alex si è preso la rivincita concludendo in testa seguito da Antonio, che migliora la prestazione rispetto al primo evento, e da Luca Manini. Nella generale vince quindi Alex Blasi, seguito da Antonio Platone e da Daniele Aguzzi.
Da Sulmona è tutto, appuntamento per il 16 Luglio in quel di Viterbo per la gara conclusiva del TOP e per il giro di boa del TORM.



16 Luglio 2017
TOP – TORM VITERBO: Grossi, Ricci e Scapigliati campioni 2017

È doveroso questa volta aprire con il Trofeo Ohvale Privati, giunto al suo ultimo appuntamento, che ha incoronato i suoi TOP rider. Esclusa la Over160, dove Stefano Grossi aveva un vantaggio consistente sui propri avversari, le categorie Under160 e Master190 hanno visto lotte serrate per il titolo stagionale. Vediamo chi è riuscito ad ottenere l’alloro del “Best of the Tops”.

160 Over: STEFANO GROSSI
A coloro che parlano di vittoria facile, Stefano risponde con i risultati: su 14 gare sono ben nove le vittorie della punta di diamante (nonché patron) del Team Gladio. Non sono mancati gli zeri, ma Grossi ha fatto della costanza la sua bandiera fiaccando la resistenza e lo spirito dei suoi agguerriti rivali. Titolo strameritato.

160 Under: GIANMARCO RICCI
Esattamente come piace agli appassionati, la sfida per la classifica della 160 Under si è conclusa sulla linea del traguardo del Circuito Internazionale di Viterbo. A vincere è stato Gianmarco Ricci, che con una prestazione maiuscola e tanta testa porta a casa due secondi posti e il titolo. Cenno d’onore a Emanuele Curti, che con due terzi posti conclude secondo in campionato, e citazione doverosa anche per Onorio Iacobelli, autore di una splendida doppietta.

190 Master: DANIELE SCAPIGLIATI
Quella della 190 è in assoluto la vittoria con meno distacco: 145 lunghezze e due secondi posti in chiusura di campionato hanno permesso a Daniele Scapigliati di beffare Giacomo Vargiu per il titolo. Vista la prestazione di Viterbo di Giacomo (doppietta anche per lui), sicuramente pesano le due assenze (contro la singola di Scapigliati), ma i campionati sono composti soprattutto di costanza. Chapeau!

TORM, 7° GP a De Nardo
Tutto il contrario del Mondiale Superbike, Il Trofeo Ohvale Rental Master quest’anno assomiglia sempre di più alla MotoGP: in poco più di 100 punti (e circa 180 punti a tappa al primo classificato) troviamo Palli, Fracci, Lombrici e Pianozza a giocarsi il titolo fino all’ultima curva. Ma a vincere la categoria Champions questa volta non sono stati i soliti top riders.

Champions: Andrea De Nardo
Sembra che il doppio impegno nel Top e nel Torm abbia i suoi risultati: vince la categoria Champions del 7° GP di Viterbo Andrea De Nardo, che va’ ad infilarsi in quella che è a tutti gli effetti la lotta per il campionato in corso. Dietro di lui Francesco Fracci conquista la piazza d’onore e si rifà sotto a Fiorenzo Palli, ora a soli 8 punti. Terzo posto per Matteo Casali, che chiude il podio dei migliori.

Expert: Niccolò Parissi
Con due secondi di vantaggio su Mirko Pagnotta, nome ben conosciuto nel circus del TORM, vince la classifica Expert Niccolò Parissi. La costanza anche qui ha avuto la sua parte, visto che Niccolò ha piazzato il suo best lap (1’13,680) al settimo passaggio. Chiude il podio della Expert un’altra vecchia conoscenza, Marco Isopo, che però accusa un ritardo più consistente. Siamo sicuri che la prossima gara lo vedrà più combattivo.

AMA: Andrea Semola
Il doppio impegno continua a pagare: Andrea Semola, che pronti via conquista la vittoria nella categoria AMA, è già una vecchia conoscenza del TOP 2017. Non è stata certamente una passeggiata visto che Marco Valeriani ha un best di appena un centesimo più lento. Marco oltretutto non è di certo un semplice amatore: partecipa infatti alla Coppa Italia con il team TrEmme Corse. Terza posizione per Daniele Dottori, con un best di 1:15,047.

Chiodi: Manuel Minervini
Chiudiamo con la classifica dei Chiodi, che girando a soli 4 secondi dai migliori poi tanto chiodi non sembrerebbero. Vince Manuel Minervini, che nonostante la categoria di peso Heavy è riuscito a staccare di ben quattro secondi Daniele Cinelli, solo due decimi più lento in termini di giro perfetto ma meno costante sulla lunghezza di gara. Chiude l’ultimo podio della giornata Matteo Mengarelli.

Per peso: Fracci, De Nardo e Grossi
Passando alle categorie di peso, vince la categoria Light (grazie al suo secondo posto assoluto) Francesco Fracci, precedendo Matteo Casali e Niccolò Catalani. Per la Medium De Nardo entra prepotentemente in classifica (stabilendosi immediatamente nella Top10) vincendo davanti a Palli e Rossi, entrambi con 53 punti contro i 69 di De Nardo. Per la Heavy il matador prende il nome di Stefano Grossi, che registra la doppietta dopo la vittoria della medesima categoria a Sulmona. Seguono Matteo Pianozza, attuale capoclassifica, e Andrea Costantini.

Il team: WLF Racing Team
Con un nome decisamente apprezzato dalla popolazione maschile del TORM, a vincere il settimo GP di Viterbo è il neonato WLF Racing Team di De Nardo e Casali, che segna ben 151 punti sul tabellone. Dietro di loro si posizionano i ben noti Palli e Lombrici con l’FG Corse, mentre finiscono la giornata con 115 punti a pari merito i team Gladio e AM Racing Team.

PIT RACE: Carlo Albanese e David Pierluigi
Come per Grossi qualcuno potrebbe dire che Carlo Albanese ha avuto vita facile a Viterbo. Ma non bisogna mai dimenticare che nel circus del TORM le classifiche sono divise per classi, ma le gare no! Il doppio quarto posto vale per Albanese la vittoria della 190 Open, di cui era unico partecipante, ma la differenza con le 160 Open non era abbastanza grande da rendere la sua gara una passeggiata.

Lo sa bene David Pierluigi, che conquistando un primo e un secondo posto porta a casa la vittoria della giornata. Dietro di lui si piazza Ernani De Santins, grazie ad un terzo posto e alla vittoria di Gara2. Terza posizione Fabrizio Pendenza, che dopo la seconda piazza in Gara1 ha pagato caro il settimo posto in Gara2.

Ringraziamo per la presenza il patron di Ohvale Valerio Da Lio, Emiliano Malagoli e Chiara Valentini della Di.Di., nonchè le wild card TOP Daniel Da Lio, Mattia Martella, Leonardo Giallini e Leonardo Battaglini, che hanno offerto uno spettacolo incredibile.

Da Viterbo è tutto, prossimo appuntamento il 20 Agosto al “Sagittario” di Latina.

a cura di Alex Dibisceglia - Ufficio stampa TORM
info@demorace.it  -  www.demorace.it
20 Agosto 2017
TORM 8° GP - IL SAGITTARIO: Fracci torna a vincere ed è a quattro punti!

Che gara, che TORM! Trenta piloti in tre secondi, tra il primo e l’ultimo della Champions solamente un secondo e mezzo, Fiorenzo Palli che rimonta dalla coda della top class fino alla seconda piazza limitando i danni, un Francesco Fracci nella sua miglior forma del 2017…

Una tappa incredibile ha caratterizzato il Trofeo Ohvale Rental Master in quel del Sagittario, per il secondo dei tre appuntamenti giocati in “casa” dalla DemoRace e da tutti i piloti che, nonostante le temperature poco clementi, hanno preferito il bollente tarmac della pista alla (più allettante) tranquillità della spiaggia. Non da meno il pubblico, con un centinaio di spettatori a tifare i loro beniamini. Vediamo cosa è successo in questa mezza giornata di bollente passione!

Champions: FRANCESCO FRACCI
Ci vorrebbe un video, con le parole diventa difficile esprimere la gara che hanno inscenato quei due folli di Fracci e Palli. Il primo ha risposto colpo su colpo agli attacchi di Patrizio Perugini, che non ha potuto concretizzare l’ottima prestazione a causa di una scivolata nella seconda parte della gara. Ma se Fiorenzo Palli non fosse partito così indietro, certamente la lotta non sarebbe stata a due: le qualifiche un po’ incolori dell’attuale capolista hanno sicuramente reso difficile ed entusiasmante la “remuntada” che Fiorenzo ha magistralmente condotto, portandosi fino alla seconda posizione. Per la terza piazza, il poker composto da Lombrici, Pagnotta, Grossi e Di Placido non ha certo deluso, con Giorgio che l’ha spuntata sugli altri per il terzo gradino del podio. Altro che “bravi”, qui scatta il “bis”!

Expert: MATTEO CIANGOLA
Matteo non è certo l’ultimo arrivato: anche se ha ancora poca esperienza sulle Ohvale, ha sfruttato quest’occasione come allenamento per la Coppa Italia, dove corre con la Tremme Corse e dove tornerà a girare in occasione della tappa del 27 agosto in quel dello splendido Mugello. Dietro di lui, Gianni Serrone si è confermato altrettanto in forma con un best lap di solo tre decimi più lento di Matteo, ma è l’1’11”668 di Alessandro Rossi il miglior giro in gara per la categoria Expert, che non a caso si è portato a casa l’ultimo gradino del podio.

AMA: FABIANO FORTUNATO
Tre Light hanno monopolizzato l’ultimo podio disponibile della giornata, anche grazie all’incidente che ha visto protagonisti Isopo e Mariella, fino all’ultimo giro in lotta serratissima per la seconda piazza. Purtroppo il confronto è terminato nelle vie di fuga, regalando la seconda piazza a Daniele Cinelli e la terza a Niccolò Parissi, che però hanno lottato altrettanto duramente per tutta la gara. Il vincitore? Neanche a dirlo: Fabiano Fortunato!

Per Peso: GROSSI, FRACCI e PALLI
Tutto il contrario del Mondiale Superbike, Il Trofeo Ohvale Rental Master quest’anno assomiglia sempre di più alla MotoGP: in poco più di 100 punti (e circa 180 punti a tappa al primo classificato) troviamo Palli, Fracci, Lombrici e Pianozza a giocarsi il titolo fino all’ultima curva. Ma a vincere la categoria Champions questa volta non sono stati i soliti top riders.

Champions: Andrea De Nardo
Sembra che il doppio impegno nel Top e nel Torm abbia i suoi risultati: vince la categoria Champions del 7° GP di Viterbo Andrea De Nardo, che va’ ad infilarsi in quella che è a tutti gli effetti la lotta per il campionato in corso. Dietro di lui Francesco Fracci conquista la piazza d’onore e si rifà sotto a Fiorenzo Palli, ora a soli 8 punti. Terzo posto per Matteo Casali, che chiude il podio dei migliori.

Expert: Niccolò Parissi
Con due secondi di vantaggio su Mirko Pagnotta, nome ben conosciuto nel circus del TORM, vince la classifica Expert Niccolò Parissi. La costanza anche qui ha avuto la sua parte, visto che Niccolò ha piazzato il suo best lap (1’13,680) al settimo passaggio. Chiude il podio della Expert un’altra vecchia conoscenza, Marco Isopo, che però accusa un ritardo più consistente. Siamo sicuri che la prossima gara lo vedrà più combattivo.

AMA: Andrea Semola
Il doppio impegno continua a pagare: Andrea Semola, che pronti via conquista la vittoria nella categoria AMA, è già una vecchia conoscenza del TOP 2017. Non è stata certamente una passeggiata visto che Marco Valeriani ha un best di appena un centesimo più lento. Marco oltretutto non è di certo un semplice amatore: partecipa infatti alla Coppa Italia con il team TrEmme Corse. Terza posizione per Daniele Dottori, con un best di 1:15,047.

Chiodi: Manuel Minervini
Chiudiamo con la classifica dei Chiodi, che girando a soli 4 secondi dai migliori poi tanto chiodi non sembrerebbero. Vince Manuel Minervini, che nonostante la categoria di peso Heavy è riuscito a staccare di ben quattro secondi Daniele Cinelli, solo due decimi più lento in termini di giro perfetto ma meno costante sulla lunghezza di gara. Chiude l’ultimo podio della giornata Matteo Mengarelli.

Per peso: Fracci, De Nardo e Grossi
Non si è accontentato di vincere la 160 Over del TOP, Stefano Grossi vuole tutto. È suo di diritto il gradino più alto del podio della categoria “Heavy” (oltre al best lap assoluto della giornata), seguito da Pianozza e da Marano. Per la Light è il vincitore della giornata a conquistare la vetta, con Fracci davanti a Di Placido e Perugini. Lo sforzo della rimonta di Palli viene premiato con la vittoria in categoria Medium, seguito da Pagnotta e Lombrici.

Da Latina è tutto, appuntamento a Iscaro (BN) per la prossima del TORM e per la prima della WinterRace per i privati in possesso di Ohvale, Pitbike e Minimotard, il 17 settembre!

a cura di Alex Dibisceglia - Ufficio stampa TORM
info@demorace.it  -  www.demorace.it
17 Settembre 2017
TORM 9° GP - ISCARO: Il ritorno di Guido Fina

Largo ai giovani, avanti le nuove leve! Undici anni e già velocissimo, è Guido Fina ad aver vinto in quel di Iscaro la nona tappa del Trofeo Ohvale Rental Master, conquistando anche la pole.

Ma al contrario delle solite prestazioni di Guido, questa volta il risultato non è stato affatto scontato: Michele Pezzella, alla sua prima apparizione nel TORM del 2017, è arrivato a soli quattro decimi di distacco, con Carmine Ruotolo (classe 2007) a chiudere la top3 assoluta. Vediamo cosa è successo in quel di Iscaro.


Champions: GUIDO FINA
Che bello quando i ragazzini hanno tutta questa voglia. Tra Guido e Michele i sorpassi non sono stati molti, ma hanno passato tutta la gara attaccati e la tensione era palpabile. Poco male, sia Michele che Carmine (a meno di un secondo di distacco da Guido e detentore del best lap in 48.837) avranno modo di rifarsi in quel di Arce, a metà ottobre. Ottimo anche il lavoro di Christian Galbiati, che è riuscito a tenere dietro il nuovo capoclassifica del TORM, ossia Francesco Fracci. Forse Francesco avrebbe dovuto fare di più, ma in queste ultime battute di campionato i punti sono come l’oro. E Palli?

Expert: FIORENZO PALLI
Se vi chiedete cosa ci fa Fiorenzo Palli nella Expert, non vi si può dare torto. Complice una pre qualifica imperfetta, Palli è rimasto tagliato fuori dalla Champions per una manciata di millesimi di secondo, e i 25 punti di differenza per la classe di appartenenza si sono sentiti tutti. Fortunatamente, Fiore ha limitato i danni vincendo di forza una Expert che ha visto Gianni Serrone secondo a +1.084 e un Matteo Pianozza più staccato ma sempre competitivo. La lotta per la vittoria del titolo 2017 si fa complessa.

AMA: MIRKO PAGNOTTA
Altra splendida prestazione di Mirko Pagnotta, dominatore assoluto della categoria AMA in quel di Iscaro. Mirko ha stampato un best lap in gara di 50.396, andando a comandare praticamente da subito la corsa e terminando in cima al podio con ben 14 secondi di distacco sul proprietario della piazza d’onore, che corrisponde al nome di Bianco Aniello. Dietro di loro (per soli 3 decimi), si classifica terzo Giuseppe Topputo, alla sua prima apparizione nel TORM.

Chiodi: GIORGIO DE RANGO
Qui parlerò da pilota: le ho provate tutte. Non sono bastati sorpassi, staccate oltre il (mio) limite, bloccaggi delle ruote e ripetuti lunghi alla penultima curva del tracciato, Giorgio è stato più bravo. Non ha perso la testa, ha fatto la mossa giusta all’ultimo giro e mi ha battuto, quindi chapeau! Come avrete capito, secondo al traguardo giunge il sottoscritto a +0.733 dalla vetta (ma detengo il best lap in gara tra i Chiodi). Dietro di me un’altra giovane promessa del motociclismo, Simone Minervini, che ha battuto il babbo Manuel grazie alla falsa partenza del genitore. Bravi!

Il Team: FG CORSE
È ancora il team FG Corse di Palli e Lombrici a vincere la classifica dei team ad Iscaro, mantenendo salda la leadership sulla classifica e sfiorando di poco la vittoria con tre gare di anticipo della classifica dei team. Pesa molto lo zero degli Smanettoni e del Racing Graphic Design, complice l’assenza di una parte di entrambi i team.

Per Peso: MARANO, FINA e GALBIATI
È stata certamente la tappa dei colpi di scena, quella di Iscaro. Lo si vede sia dai vincitori delle griglie che da quelli delle varie sottocategorie, infatti nessuno dei tre al top delle classifiche di peso è in lotta per il titolo. Vince chiaramente la Light Guido Fina, seguito da Fracci e da Michele Pezzella. Nella Medium è Galbiati a battere Lombrici e Serrone, mentre nella Heavy vince Marano su Pianozza e Pezzella.

Cambio di guardia
I ruoli ora si sono invertiti: Fiorenzo Palli passa da lepre a lupo e deve assolutamente ricucire i 16 punti di strappo che si sono creati tra lui e Francesco Fracci. Ma le novità non terminano li: con la grande prestazione vista ad Iscaro, Giorgio Lombrici rientra di diritto nella lotta per la vittoria finale, essendo a 99 punti da Fracci (ricordiamo il doppio punteggio per il gran finale del Sagittario a dicembre). Tutto ancora aperto, altro che #Superbike!

E le PitBike?
Una doverosa parentesi la dedichiamo alle Pitbike che, complice un maltempo impietoso paragonabile ad una vera e propria bomba d’acqua, non ha permesso il via della categoria. Nonostante la possibilità di disputare una gara Wet, la DemoRace ha preferito in primis salvaguardare la salute dei piloti che nella maggior parte dei casi il lunedì hanno un datore di lavoro a cui rispondere di un eventuale assenza. Ma nessun si disperi: per recuperare i partecipanti alla tappa di Arce avranno a disposizione ben tre gare nella medesima giornata. Divertimento garantito!

Tutto pronto per la terzultima tappa del Trofeo Ohvale Rental Master, che si svolgerà ad Arce (FR), il 15 ottobre. Voi siete pronti?

a cura di Alex Dibisceglia - Ufficio stampa TORM
info@demorace.it  -  www.demorace.it
ASI
LIQUI MOLY
PRABHASHA
PMT Gomme
CONI
ASI KARTING
Spazio Disponibile
MotoASI
Moto Bannati
OHVALE
Il Sagittario
Sterilgarda
Hurly
Moto Days
 
DEMORACE - Tel. (+39) 392.7522504 - (+39) 380.6809836 - mail to: info@demorace.it
Torna ai contenuti | Torna al menu